Vita digitale

Guadagnare con i francobolli è possibile?

Guadagnare con i francobolli è possibile

Provare a guadagnare con i francobolli è possibile, a patto di saper identificare quelli più rari e celebrativi, quindi maggiormente ricercati fra i collezionisti e gli amatori. Molto importante è anche affidarsi ad un servizio di scambio francobolli serio ed affidabile in cui trovare potenziali acquirenti. Ecco quello che c’è da sapere.

Iniziare a guadagnare con i francobolli è possibile

Tante volte in casa si trovano vecchie lettere o cartoline affrancate, magari dimenticate da tempo in un cassetto e alle quali non si presta mai particolare attenzione. In realtà i francobolli applicati su questa corrispondenza potrebbero rivelarsi una vera e propria fortuna. Non sono infrequenti i casi in cui quello che sembra un normalissimo francobollo invece rappresenta un pezzo da collezione e molto ricercato fra gli estimatori.

Nella maggior parte dei casi il valore di un francobollo è da ricondurre ad un errore di stampa. Questo è ciò che avvenuto, ad esempio, con l’Error of colour, originariamente di colore giallo, ma successivamente emesso in blu e risalente al 1859. Attualmente esistono solo due esemplari di cui uno è stato venduto all’asta per 1,8 milioni di euro. L’Error of colour rientra fra francobolli più preziosi di sempre a livello mondiale.

In altre ipotesi un francobollo raggiunge un valore molto alto perché emesso in numero limitato, come nel caso del celebre 3 Lire di Toscana Faruk o dei 2 dollari Pechino. Alcuni francobolli, tuttavia, sono molto preziosi per anomalie di stampa diverse da quelle strettamente cromatiche. A questo riguardo basti pensare al Jenny capovolto, così chiamato proprio perché il foglio in cui venne stampato fu erroneamente messo al contrario dai tipografi. I pezzi ancora oggi rimasti in circolazione valgono circa 700 mila euro.

I collezionisti di francobolli in tutto il mondo sono davvero tanti e altrettanto numerosi le serie e gli esemplari che permettono di guadagnare cifre alte oppure che è possibile scambiare con diversi pezzi di pari valore. La prima cosa da fare quindi è racimolare tutti i propri francobolli e verificare, anche con l’aiuto di un esperto di fiducia, quali sono quelli più importanti e ricercati nel mondo della filatelia.

L’affascinante mondo dei francobolli

Lasciando da parte i casi di francobolli dal valore inestimabile, oggi è possibile guadagnare anche con i francobolli italiani, più comuni e che magari sono presenti già nella propria collezione. I singoli francobolli in questo caso possono far guadagnare cifre a partire da 10 e oltrepassare 100 euro. Molto dipende anche dallo stato di conservazione. Infatti, diversamente da quello che si potrebbe pensare, gli esemplari timbrati valgono più di quelli non usati.

Sicuramente non è così semplice trovare francobolli di valore ma facendo opportune ricerche, anche andando presso i mercatini delle pulci, frequentando negozi di antiquariato e fiere sul collezionismo, sarà possibile trovare alcuni pezzi più rari da mettere in vendita per guadagnare cifre più o meno altre. Oggi inoltre è possibile anche commercializzare i propri francobolli comodamente online. L’importante è affidarsi a portali seri, quindi frequentati da molti collezionisti e amatori, in cui sarà possibile trovare diversi annunci e fare così affari molto proficui.

A questo proposito gli appassionati del settore o coloro che da poco si affacciano alla filatelia possono dare uno sguardo ai vari servizi di scambio francobolli disponibili online per acquistare, vendere o barattare esemplari comuni e rari.

Similar Posts